Archivio Primo Piano

FISCO, TREU: SISTEMA INIQUO, BISOGNA CAMBIARE LA MODALITÀ DEL PRELIEVO
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

FISCO, TREU: SISTEMA INIQUO, BISOGNA CAMBIARE LA MODALITÀ DEL PRELIEVO

Serve una minore pressione fiscale su imprese e lavoratori e l’adozione, previo confronto con le parti sociali, di un sistema per ridisegnare un prelievo che, sulla nuova e più ampia base imponibile, recuperi l’allontanamento realizzato negli anni rispetto ai principi costituzionali di equità e progressività”.

 

Lo ha affermato il Presidente del CNEL Tiziano Treu oggi in audizione davanti alle Commissioni congiunte Finanze di Camera e Senato nell'ambito dell’indagine conoscitiva sulla riforma dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e altri aspetti del sistema tributario.

 

La riforma del fisco, resasi necessaria a causa della frammentarietà di un sistema di fatto iniquo, diviene più che mai urgente per via del ruolo svolto dal fisco rispetto alla pandemia in corso, come ricordato nel discorso di insediamento del presidente Draghi. Nell’attuale contesto non dobbiamo dimenticare che l’allentamento del vincolo di bilancio, consentito dalla crisi Covid, ha già prodotto un debito che genererà, in una sorta di circolo vizioso, la necessità di farsi carico del finanziamento di una spesa pubblica accresciuta dai maggiori oneri per interessi e dai maggiori bisogni per il welfare. Per questo il Cnel ha, in più sedi, espresso disappunto per la procrastinazione al 2022 della riforma. È con questo spirito che nel novembre 2020 abbiamo costituito un gruppo di lavoro presieduto dal professor Franco Gallo che si avvale di accademici e magistrati esperti in materia e procede, nel prospettare soluzioni alternative all’attuale sistema dei prelievi fiscali”, ha aggiunto Treu.

 

Tra gli obiettivi della riforma fiscale, il CNEL “sottolinea la crescente esigenza di attenuare la pressione fiscale complessiva, con particolare attenzione al fattore lavoro e alla famiglia; condivide lo sforzo di ricerca di neutralità rispetto alle differenti tipologie di investimento e di omogeneizzazione della tassazione sulle rendite finanziarie; apprezza l'impegno governativo nel trovare soluzioni valide al difficile problema della semplificazione e del miglioramento dei rapporti tra Fisco e contribuenti, pur rilevando che in queste due aree la strada da percorrere è ancora molto lunga e irta di difficoltà”.

 

“Purtroppo il problema della riorganizzazione dell'Amministrazione finanziaria è ancora nella fase iniziale. Serve un forte e diffuso impegno in questa direzione richiamando l'attenzione sulla grande attualità di quanto nel 1957 ebbe ad affermare l'allora Ministro delle Finanze Ezio Vanoni il quale esplicitamente disse che sino a quando la disastrata Amministrazione Finanziaria non fosse stata posta nelle condizioni di operare, nessuna riforma avrebbe potuto avere esito positivo”, si legge nel testo depositato dal CNEL in Parlamento.

Articolo Precedente COMUNICATO N. 19 DELL’1 MARZO 2021 - FISCO, TREU (CNEL): SISTEMA INIQUO, CAMBIARE MODALITA’ PRELIEVO, RIFORMA URGENTE
Articolo Successivo SCOMPARSO L’EX PRESIDENTE DEL CNEL PIETRO LARIZZA
Stampa
317 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«maggio 2021»
lunmarmergiovensabdom
26
1669

SCOMPARSO L’EX CONSIGLIERE PAOLO TESI

In carica nell’VIII e nella IX consiliatura in rappresentanza della CISL
Read more
2728293012
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31123456