Archivio Primo Piano

Operai agricoli e florovivaisti, le principali novità del CCNL
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

Operai agricoli e florovivaisti, le principali novità del CCNL

Dopo una trattativa serrata connotata anche da momenti di accesa conflittualità, il 19 giugno è stata firmata l’ipotesi di accordo di rinnovo del CCNL dei lavoratori agricoli e florovivaisti per il quadriennio 2018-2021. Il contratto, sottoscritto da CIA, Confederazione Generale dell’Agricoltura Italiana, Coldiretti, C.I.A., FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL, amplia la sfera di applicazione (ora estesa alle imprese che esercitano in via esclusiva attività di frangitura delle olive e alle imprese di coltivazione idroponiche), e introduce un aumento retributivo del 2,9 % da erogarsi in due tranche. Le retribuzioni vigenti nelle singole province alla data del presente rinnovo, per ciascun livello professionale stabilito nei rinnovi dei contratti provinciali in applicazione del CCNL 2014, sono incrementate dell’1,7% con decorrenza 1 luglio 2018 e dell’1,2% dal 1 aprile 2019.

 

Due punti di assoluto rilievo riguardano le novità introdotte nell’organizzazione del lavoro: sono previste una maggiore flessibilità nella distribuzione dell’orario settimanale di lavoro, anche attraverso l’ampliamento delle causali che possono determinare l’interruzione dell’attività lavorativa, l'allargamento delle causali che consentono l'interruzione della prestazione giornaliera (estese a quelle relative a cause tecniche/organizzative e non più solo alla forza maggiore), nonché l’estensione del sistema della banca ore agli operai del settore e nuove misure in materia di welfare.

 

Una novità di rilievo riguarda anche il tema della rappresentanza: all’accordo vero e proprio è stata allegata un’intesa, che costituisce parte integrante dello stesso, sulla rappresentanza delle organizzazioni sindacali legittimate a sottoscrivere la contrattazione collettiva per gli operai agricoli e florovivaisti, nello specifico intento di limitare il rischio di proliferazione della contrattazione sottoscritta da soggetti privi di effettiva rappresentatività e di tutelare i diritti dei lavoratori e la leale concorrenza tra le imprese, in un settore dell’economia particolarmente esposto al rischio di pratiche irregolari.

 

Leggi l’analisi completa sul nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti del CNEL 

 

Articolo Precedente E’ on line il nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti
Articolo Successivo CONTRATTI: LE PRINCIPALI NOVITÀ NEL NOTIZIARIO CNEL
Stampa
189 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«dicembre 2018»
lunmarmergiovensabdom
2627
461

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO, TREU: “AUMENTERANNO STUDENTI COINVOLTI"

Al Cnel un convengo sul futuro del progetto con il Ministero dell'Istruzione e l'Associazione Nazionale Presidi (ANP)

Read more
28
462

CONTRATTI: RAPPRESENTANZA SEMPRE PIÙ FRAMMENTATA

Pubblicato il nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti  

Read more
29
463

CNEL E INPS INSIEME PER L'ANAGRAFE UNICA DEI CCNL

Al convegno con le parti sociali ha partecipato il Sottosegretario al lavoro Durigon

Read more
3012
345
468

XX RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO E CONTRATTAZIONE COLLETTIVA

Il 6 dicembre la presentazione nella Sala del Parlamentino

Read more
6
471

IL LAVORO E' DIVENTATO "POVERO E FRAMMENTATO"

Presentato oggi a Roma il XX Rapporto sul Mercato del lavoro e sulla contrattazione collettiva, realizzato con Anpal e Inapp

Read more
789
101112
481

FINANZA TERRITORIALE, AL CNEL PRESENTATO RAPPORTO 2018

Lo studio è curato da 6 istituti regionali di ricerca socioeconomica

Read more
1314
482

LAVORO, TREU: LA RIFORMA DEI CENTRI PER L'IMPIEGO GUARDI AL FUTURO

Al CNEL un workshop sui “Servizi pubblici e le politiche attive del lavoro” con la partecipazione delle Regioni

Read more
1516
17181920212223
24252627282930
31123456