Archivio Primo Piano

IL LAVORO NELL'ERA DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

IL LAVORO NELL'ERA DELL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Nel 2015 il legislatore, con il Decreto legislativo n.81, ha cambiando l’Art. 2103 del Codice Civile assegnando alla contrattazione collettiva la funzione di definire la mobilità professionale in azienda e, a voler guardare oltre l’attualità, la relazione tra macchina intelligente e lavoratori. Su questo tema di grandissima attualità il Consigliere del Cnel Michele Faioli, professore dell'Università di Roma Tor Vergata, ha scritto un libro monografico: “Mansioni e macchina intelligente”, (Giappichelli, 2018). Il libro sarà presentato il 21 novembre, alle ore 16 a Roma presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università "La Sapienza", con interventi della prof.ssa Silvia Ciucciovino, consigliere del CNEL e pro rettore dell’Univ. Roma Tre, il prof. Maurizio Del Conte, presidente dell’ANPAL, il prof. Maurizio Franzini, presidente vicario dell’ISTAT, con coordinamento dei lavori da parte della prof.ssa Paola Bozzao, Sapienza Univ. Roma. 


D1. Qual è la relazione tra mansioni e macchina intelligente?

La macchina intelligente è un motore di innovazione che proietta il lavoro verso scenari di progresso e di sicurezza. La relazione tra mansioni e macchina intelligente è data dall’organizzazione aziendale. Più complessa e tecnologica è tale organizzazione, più stretta è la relazione tra mansioni e macchina intelligente. La macchina intelligente è una macchina che impara dai propri errori, impara e decide, creando essa stessa strutture algoritmiche computazionali. Nella fabbrica 4.0 ciò significa che, in molti casi, la macchina intelligente gestisce il lavoro umano, coordina, da istruzioni, vigila, etc. 


D2. In che modo le imprese stanno affrontando il cambiamento? C’è un processo di ibridismo già in atto: ogni volta che un lavoratore interagisce con una macchina intelligente (un “cobot”, ma anche solo uno smartphone o un computer) diviene una specie di cyborg.

E’ vero. Ogni volta che un lavoratore interagisce con una macchina intelligente (un “cobot”, ma anche solo uno smartphone o un computer) diviene una specie di lavoratore-cyborg. Ciò significa che nella fabbrica 4.0 viene a crearsi una relazione tra datore di lavoro e lavoratore che si arricchisce della funzione che svolge la macchina intelligente. C’è, in altre parole, un terzo elemento (la macchina intelligente) che reagisce con il lavoratore in modo biunivoco. C’è un ibridismo tra lavoratore e macchina di cui il diritto del lavoro deve occuparsi. 


D3. Le norme attuali sono sufficienti a gestire un fenomeno di questo tipo in Italia e in altri paesi?

Nel nostro ordinamento nel 2015 il legislatore ha assegnato alla contrattazione collettiva la funzione di definire la mobilità professionale in azienda e, a voler guardare oltre l’attualità, la relazione tra macchina intelligente e lavoratori. In molti casi, già oggi, la contrattazione collettiva sa già molto meglio del legislatore i processi organizzativi della fabbrica 4.0. In altri paesi europei troviamo logiche simili: il contratto collettivo, anche decentrato, ha una funzione determinante in Francia e in Germania in queste materie. Il legislatore italiano ha allineato, nel 2015, l’art. 2103 c.c. alle esperienze europee più interessanti, ponendo l’autonomia collettiva al centro di questi fenomeni. E’ una impostazione che va sostenuta e salvaguardata.

Articolo Precedente PRESENTATO AL CNEL IL 'WORLD DEVELOPMENT REPORT 2019’ DELLA BANCA MONDIALE
Articolo Successivo ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO, TREU: “AUMENTERANNO STUDENTI COINVOLTI"
Stampa
453 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«maggio 2019»
lunmarmergiovensabdom
29
648

CONTRATTI: PUBBLICATO IL NUOVO NUMERO DEL NOTIZIARIO CNEL

Falsa cooperazione, dumping contrattuale, smart working e riscatto della laurea tra gli argomenti proposti. 
Read more
30
649

ANNUNCIATO AL SENATO DDL DEL CNEL SU ISTITUZIONE COMITATO NAZIONALE PRODUTTIVITA’

Sarà composto da rappresentanti di diverse istituzioni ed esperti. E’ già attivo in 10 Paesi Ue

Read more
12345
6789
660

DAL CNEL UN PATTO SOCIALE PER RIFORMA E RILANCIO DELLA UE

Un documento condiviso da tutte le forze sociali e produttive rappresentate in Consiglio con 10 proposte tra cui “Cancellare il fiscal compact”

Read more
10
662

CNEL, TREU: UN ANNO INTENSO DI ATTIVITÀ

I dati illustrati dal presidente Tiziano Treu in Assemblea

Read more
1112
13
664

IL FUTURO DEL LAVORO ALLA LUCE DEI CAMBIAMENTI SOCIALI ED ECONOMICI

A ForumPA la presentazione del XX Rapporto su “Mercato del lavoro e contrattazione collettiva” con la Sen. Nunzia Catalfo e il Sen. Tommaso Nannicini

Read more
1415
670

FORMAZIONE: DAL CNEL INDICAZIONE DI ‘APPLICARE INDICATORI BES A ISTRUZIONE E RICERCA’

A Villa Lubin una tavola rotonda con il viceministro all’Istruzione Lorenzo Fioramonti

Read more
1617
672

LUNEDI’ 20 MAGGIO INCONTRO CON LUCA JAHIER, PRESIDENTE CESE

Sarà presentato il documento “Unire l’Europa per cambiarla”

Read more
1819
20
674

L’ITALIA DANNEGGIATA DALL’AUSTERITY EUROPEA. PUNTARE SULLA GOLDEN RULE

Presentato l’appello condiviso dalle 38 forze sociali del Cnel ‘Unire l’Europa per cambiarla’ 

Read more
21
677

A ROMA IL MEETING ANNUALE DEI COMITATI ECONOMICI DEI PAESI UE

Si terrà presso la sede del CNEL il 13 e 14 giugno alla presenza del Capo dello Stato Mattarella
Read more
2223
678

UNIVERSITÀ, FIORAMONTI: “CAMBIAMO I CRITERI DI VALUTAZIONE”

Intervista al viceministro dell’Istruzione sul progetto avviato da Anvur e Invalsi in collaborazione con il Cnel

Read more
242526
272829303112
3456789