Archivio Primo Piano

IL FUTURO DEL LAVORO ALLA LUCE DEI CAMBIAMENTI SOCIALI ED ECONOMICI
/ Categorie: Primo Piano, Convegno

IL FUTURO DEL LAVORO ALLA LUCE DEI CAMBIAMENTI SOCIALI ED ECONOMICI

Layout 1

Nel corso degli ultimi anni si è assistito a un’impressionante crescita del part time (anche involontario) ed è aumentato il lavoro “povero”, cioè quello che non garantisce il reddito necessario. Sono due dei dati che emergono dal XX Rapporto "Mercato del lavoro e contrattazione collettiva”, elaborato dal Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro in collaborazione con ANPAL e INAPP che sarà presentato giovedì 16 maggio a Roma nell’ambito del ForumPA.


Presso la “Nuvola” di Fuksas all’Eur il CNEL promuove il convegno su "Il futuro del Lavoro alla luce dei cambiamenti sociali ed economici”. Dopo i saluti di Carlo Mochi Sismondi, presidente di ForumPA e l'introduzione del presidente del CNEL Tiziano Treu, sono previsti gli interventi della prof.ssa Silvia Ciucciovino, consigliere del Cnel e ProRettore dell'Università RomaTre; della Sen. Nunzia Catalfo, presidente della Commissione Lavoro del Senato e del Sen. Tommaso Nannicini, economista. Coordina il caporedattore del TG1 Marco Frittella.


La ripresa dell’occupazione è senza dubbio un fatto positivo tanto più in un periodo di debole crescita, ma che non si sia tradotta in un aumento del volume del lavoro rispetto al periodo pre-crisi, perché tra le persone occupate sono molte di più quelle che lavorano a orario ridotto che quelle impiegate a tempo pieno (la quota delle seconde cala dell’8%) - afferma il Presidente Treu - È cresciuta anche la quota del part time involontario, soprattutto per le donne il saggio sottolinea come le differenze di genere, il carattere involontario dei nuovi part time e la loro distribuzione diversificata sul territorio con la penalizzazione del sud, mostrano che non siamo di fronte a una felice ridistribuzione del lavoro fra le famiglie, ma ad una minore intensità del lavoro e a una disoccupazione diseguale, disoccupazione che oltretutto ora manifesta nuovi segnali di aumento. E per di più tali fenomeni critici, pur presenti anche in altri Paesi, sono particolarmente accentuati in Italia.


Il Rapporto di quest’anno tocca i principali aspetti della regolazione del lavoro e delle relazioni contrattuali: l’evoluzione dei lavori e delle condizioni dei lavoratori, le politiche attive e le politiche passive, la contrattazione collettiva e i suoi contenuti. Il rapporto raccoglie contributi diversi di esperti del CNEL, di ricercatori dell’ANPAL e dell’INAPP con cui il CNEL ha da tempo una attiva collaborazione, nonché di economisti, sociologi e giuristi.

A fronte dell’aumento del lavoro part-time, si sono ridotte notevolmente le ore lavorate a testa. Se prima della crisi erano in media 38 ore a settimana (tra i dipendenti), nel 2015 la media era scesa a 36,9 ore, per effetto soprattutto di una caduta del numero di ore lavorate dai decili di bassi, ovvero da chi lavora meno delle “tipiche” 40 ore settimanali da orario full time”, si legge nel Rapporto. “La ripresa dell’occupazione osservata nelle statistiche è stata prevalentemente in termini di occupati, ma non di ore lavorate; ciò è dovuto al moltiplicarsi di impieghi a orari ridotti, ad esempio utilizzando i contratti a chiamata o i voucher (fino alla loro abolizione). Se per definire il lavoro povero si utilizza il reddito mensile, anziché il salario orario, è possibile cogliere nell’area di povertà anche quei lavoratori che, pur percependo salari orari adeguati, hanno impieghi a orari ridotti che non consentono loro di ottenere redditi mensili dignitosi, ovvero sopra la soglia di povertà (calcolata a partire dalla mediana dei redditi mensili, basata sul salario orario mediano e sulle ore lavorate mediane). Il numero di lavoratori in povertà è più elevato, pari a quasi 4,1 milioni di lavoratori (corrispondenti al 24,1% dell’occupazione dipendente): la differenza nella quantificazione, pari a circa 1 milione di occupati, rispetto alla precedente definizione basata sul salario orario è da ricondurre alla ridotta intensità di lavoro, in termini di ore lavorate”.


Questo evento è il secondo appuntamento di un ciclo di incontri che prevede la presentazione del Rapporto "Mercato del lavoro e contrattazione collettiva” in diverse città italiane. Il prossimo incontro è in programma a Napoli il 5 giugno presso il foyer del Centro di Produzione Rai di Napoli.

Articolo Precedente CNEL, TREU: UN ANNO INTENSO DI ATTIVITÀ
Articolo Successivo FORMAZIONE: DAL CNEL INDICAZIONE DI ‘APPLICARE INDICATORI BES A ISTRUZIONE E RICERCA’
Stampa
446 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Documenti da scaricare

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«ottobre 2019»
lunmarmergiovensabdom
30123
851

VISITA AL CNEL DELLA DELEGAZIONE DEL CONSIGLIO ECONOMICO E SOCIALE FRANCESE

A Villa Lubin incontro di lavoro sulla cooperazione europea tra le commissioni internazionali dei due organismi 

Read more
456
7891011
868

LA CONSULTAZIONE PUBBLICA SULL’EUROPA DEL CNEL PRESENTATA ALL’ANNUAL MEETING DEGLI EDIC

A Praga distribuita la versione in inglese del documento “HOW ITALIANS SEE EUROPE”

Read more
1213
14
864

INTESA CNEL - MEFOP PER LA COSTITUZIONE DI UN HUB DELLA BILATERALITÀ

Treu: “L’obiettivo è di migliorare la regolazione di questi accordi”

Read more
15161718
866

IMPRESE, SERVE UN CAMBIO DI ROTTA SULLA POLITICA INDUSTRIALE

È il messaggio che emerge dal convegno “Tecnologia, organizzazione e dinamiche globali” promosso dal CNEL e dalla Sapienza Università di Roma.

Read more
1920
21
869

FISCO, SERVONO POLITICHE UE OMOGENEE TRA GLI STATI MEMBRI

Documento di Osservazione e proposte del CNEL su 'Principi fiscali internazionali e digitalizzazione dell’economia: osservazioni per un’equa fiscalità'. "Occorre una webtax universale"
Read more
222324252627
28293031123
45678910