Archivio Primo Piano

FISCO, SERVONO POLITICHE UE OMOGENEE TRA GLI STATI MEMBRI
/ Categorie: Primo Piano

FISCO, SERVONO POLITICHE UE OMOGENEE TRA GLI STATI MEMBRI

Il CNEL, pur consapevole che le politiche fiscali sono sempre state materie di competenza dei singoli Stati membri, ritiene che sia giunto il momento in cui l’Unione Europea pervenga a soluzioni, almeno sulle grandi linee in tema di politiche fiscali, condivise e tendenzialmente omogenee per tutti i Paesi aderenti”.

 

È quanto emerge dal Documento di Osservazioni e Proposte approvato dall’Assemblea del CNEL, dal titolo “Principi fiscali internazionali e digitalizzazione dell’economia: osservazioni per un’equa fiscalità” (relatori il vicepresidente Elio Catania e il consigliere Gian Paolo Gualaccini).

 

È pertanto necessario lavorare a una fiscalità europea condivisa, equa, efficiente, favorevole alla crescita e capace di eliminare le distorsioni concorrenziali”, scrive l’Assemblea di Villa Lubin.

 

Sul fronte dell’economia digitale, “Il CNEL ritiene che le ‘web tax’ nazionali comportino il rischio di una frammentazione legislativa che amplifichi quella già esistente a livello europeo in materia di tassazione del digitale - si legge ancora nel Documento - La tassazione dovrebbe essere ispirata ai principi OCSE e colpire non gli indici tradizionali di capacità contributiva (reddito e patrimonio) ma altri indicatori che stimino con buon livello di approssimazione il valore creato con i beni/servizi digitali. Se nel termine stabilito del 2020 in sede OCSE non si pervenisse a soluzioni condivise, l’Unione europea deve porre in essere scelte autonome”.

 

Il Cnel auspica che si lavori in primis sull’abnorme asimmetria dei regimi fiscali tra Paesi, e poi si porti avanti una veloce revisione dei meccanismi di fiscalità. Iniziative unilaterali dei singoli Stati andrebbero evitate e comunque valutate con la massima attenzione per escludere rischi interpretativi, complessità di attuazione e ricadute negative sulle imprese locali o sui processi di innovazione in atto”, afferma il vicepresidente Catania.

 

Come riportato dal Documento di Osservazioni e Proposte del CNEL, la speranza è che la proposta OCSE su una web tax universale condivisa, presentata a Washington durante i lavori del FMI, venga discussa e approvata in tempi rapidi”, aggiunge il consigliere Gualaccini.


Scarica il documento di Osservazioni e proposte

Articolo Precedente COMUNICATO N. 79 DEL 21 OTTOBRE 2019 - FISCO, CNEL: SERVONO POLITICHE UE OMOGENEE PER STATI MEMBRI
Articolo Successivo SICUREZZA STRADALE, SGALLA: URGENTE RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA
Stampa
237 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Documenti da scaricare

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«gennaio 2020»
lunmarmergiovensabdom
30311234
987

MOBILITÀ LAVORATIVA IN EUROPA OSTACOLATA DALLE DIFFERENZE CONTRATTUALI

Il dato emerge dalle prime analisi del progetto Colbar-Europe. Cavallini (Cnel): "Per la prima volta abbiamo un’analisi comparata degli istituti contrattuali in tutti i Paesi UE"

Read more
5
67891011
995

SERVIZI PUBBLICI: AUMENTA IL DIVARIO NORD-SUD

Il dato emerge dalla Relazione 2019 del CNEL al Parlamento e al Governo sulla qualità dei servizi erogati dalle PA centrali e locali che sarà presentata il 15 gennaio. Interverrà la Ministra Fabiana Dadone

Read more
12
13141516171819
1006

TREU: IL CNEL SEDE NATURALE PER IL COMITATO PER LA PRODUTTIVITÀ

Già operativo in 10 Paesi UE, è strategico per sostenere la politica economica
Read more
20212223242526
272829303112
3456789