Archivio Primo Piano

LAVORO, TREU: È TEMPO DI UN NUOVO STATUTO DEI LAVORATORI
/ Categorie: Primo Piano

LAVORO, TREU: È TEMPO DI UN NUOVO STATUTO DEI LAVORATORI

E’ tempo di pensare a un nuovo statuto dei lavoratori”. Lo ha affermato il presidente del CNEL, Tiziano Treu, aprendo il convegno dal titolo “Dall’autunno caldo allo statuto dei lavoratori” promosso dalla Fondazione Buozzi, dalla Fondazione Di Vittorio e dalla Fondazione Giulio Pastore in collaborazione con il Comitato per gli anniversari di interesse nazionale apre ufficialmente le celebrazioni del 50° dello Statuto dei lavoratori nell’anno dell’anniversario dell’Autunno caldo, che dall’ottobre del 1969 portò in piazza milioni di lavoratori che chiedevano la regolamentazione dei rapporti di lavoro.

 

La legge 300 del 20 maggio 1970 è, da un punto di vista concettuale, ancora di grande attualità e ci spinge a ragionare tutti insieme su come attualizzarla - ha continuato Treu - Fu una norma che nacque da un lungo e travagliato confronto politico e sociale iniziato nel giugno del 1969 quando il Consiglio dei Ministri annunciò la presentazione in Parlamento del disegno di legge sullo Statuto. Lo Statuto dei lavoratori nasceva dalla spinta degli operai delle grandi fabbriche del Nord che chiedevano migliori condizioni di lavoro e il rispetto dei diritti e delle libertà individuali anche dentro le aziende. Oggi il contesto è molto cambiato, le aziende hanno assunto forme diverse, a rete, articolate in catene di fornitori internazionali, o addirittura operanti tramite piattaforme digitali. Il lavoro è in molti casi disperso e spezzettato. Occorre pensare a nuove regole: per la tutela dei lavori, non solo subordinati ma anche autonomi; per il sostegno dell’attività sindacale; per l’efficacia erga omnes dei contratti collettivi; per la fissazione di criteri di rappresentatività delle parti sociali. Queste sono le urgenze per rinnovare lo spirito dello Statuto”.

 

La scelta di Villa Lubin per l’avvio delle celebrazioni di una delle leggi più importanti del nostro Paese è fortemente simbolica perché il CNEL fu teatro dei principali incontri tra le parti sociali. Gino Giugni fu l’autore del testo di legge fortemente voluto dal ministro Giacomo Brodolini che ne aveva posto le basi con l’istituzione di una commissione nazionale per la redazione di un provvedimento a tutela dei lavoratori. Tra l’altro, Giugni nel 1983, da consigliere del CNEL, scrive, insieme a Luigi Mengoni, un documento di Osservazioni e Proposte per la revisione della legislazione del rapporto di lavoro. Un testo basilare in materia.

 

Al convegno sono intervenuti la storica Simona Colarizi, Aldo Carera, Stefano Musso, Gian Primo Cella e Cesare Annibaldi.  Conclusioni affidate a Giorgio Benvenuto. Le iniziative per il 50° dello Statuto dei lavoratori non sono solo celebrative ma un’occasione di riflessione su un momento fondamentale della nostra storia, il modo con il quale il nostro Paese seppe trasformare una grande ondata di protesta in una proposta di cambiamento e di maggiore democrazia, di libertà e anche di crescita”, ha affermato il Senatore. 

 

Lo Statuto dei lavoratori contribuì in maniera determinante al passaggio da Paese agricolo a Paese industriale, una crescita anche sociale che portò ad una maggiore consapevolezza dei propri diritti ma anche dei propri doveri. Quell’iniziativa in questo momento ci serve come guida perché siamo in una fase di cambiamenti epocali - ha aggiunto Benvenuto - Bisogna ritrovare lo spirito dello Statuto dei lavoratori, della solidarietà sociale che ne scaturì. La scelta del CNEL per iniziare questo percorso non è casuale. I corpi intermedi, tutt’altro che superati, hanno ruolo un sociale fondamentale. Se bisogna cambiare bisogna sapere quali sono le aspettative delle parti sociali, e attraverso loro quelle delle persone e delle categorie che rappresentano. Il CNEL, che è il grande luogo dell’ascolto e del dialogo delle forze sociali e produttive, permette di scrivere meglio le leggi, permette di coinvolgere le persone nei processi decisionali. In un mondo così nuovo il dialogo è fondamentale, la solidarietà è decisiva, si può arrivare a risultati condivisi e buoni per tutti solo attraverso il confronto”. 

Articolo Precedente SICUREZZA STRADALE, SGALLA: URGENTE RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA
Articolo Successivo Martedì 29 ottobre l'Assemblea del CNEL
Stampa
613 Valuta questo articolo:
4.0

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«novembre 2019»
lunmarmergiovensabdom
2829
883

LAVORO, PROGRAMMARE L’INGRESSO DI STRANIERI IN ITALIA

L’Assemblea del CNEL ha approvato un Odg sul tema della Commissione Informazione e Lavoro presentato dal Consigliere Ambrosini

Read more
3031123
45
909

VILLA LUBIN OSPITA LA TRATTATIVA PER IL RINNOVO CCNL DEI METALMECCANICI

Treu: soddisfazione per la scelta di Federmeccanica. Il Cnel è un luogo neutrale

Read more
6
910

VISITA AL CNEL DELLA DELEGAZIONE AFFARI SOCIALI DELLA COMMISSIONE EUROPEA

Al centro dell’incontro la regolazione della rappresentanza dei lavoratori e delle relative organizzazioni

Read more
78
920

LA SVOLTA EUROPEA SULLA SOSTENIBILITÀ PASSA PER I GIOVANI E LA SOCIETÀ CIVILE

È firmato dal Consigliere del CNEL Tommaso Di Fazio il Parere del CESE alla Commissione Europea sulla sostenibilità

Read more
910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678