Archivio Primo Piano

AUMENTANO ANCORA I CONTRATTI REGISTRATI AL CNEL
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

AUMENTANO ANCORA I CONTRATTI REGISTRATI AL CNEL

I contratti collettivi nazionali di lavoro, depositati nell'Archivio Nazionale dei Contratti del CNEL alla data del 31 ottobre 2019, sono 909 (a marzo 2019 erano 888), di cui 491 risultano già scaduti. Nel 2020, il rinnovo coinvolgerà oltre 9 milioni di lavoratori del settore privato e quasi 4 milioni del settore pubblico.

I nuovi dati sono contenuti, insieme a diversi e importanti casi di contrattazione, nel nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti del CNEL.

Il bollettino si apre con un articolo su COLBAR, progetto europeo sugli elementi comuni agli accordi di lavoro sottoscritti nella UE, che riguarda la codifica di quasi 800 accordi collettivi dei settori pubblici e privati di 23 Paesi dell’Unione, che andranno a implementare la banca dati della fondazione Wageindicator. L’analisi dei contratti avverrà grazie a uno speciale software che consente la valutazione e il confronto di ben 749 variabili. Il progetto, di cui è capofila l’Università di Amsterdam e di cui il CNEL è membro insieme all'istituto di ricerca CELSI di Bratislava, viene sviluppato nell'alveo di una linea di ricerca più ampia che ha preso il via cinque anni fa.

Ampio spazio è dedicato anche al contratto dei metalmeccanici, le cui trattative per il rinnovo sono in corso proprio al CNEL (il secondo incontro è in programma il 10 dicembre).

I contratti in scadenza hanno rappresentato anche un punto importante delle audizioni del CNEL sulla Nadef e sul Ddl Bilancio 2020. Il rinnovo di 3 accordi interessa oltre 4 milioni di lavoratori: 2,4 milioni del terziario, della distribuzione e dei servizi; 1,4 milioni del settore metalmeccanico e dell’installazione di impianti; 470.000 della logistica, trasporto merci e spedizione. Sono 199 i contratti in scadenza: 73 entro al 31 dicembre 2019 e altri 126 entro il 2020.

Il presidente Treu ha attivato al CNEL un gruppo di lavoro composto da esperti delle materie lavoristiche e di relazioni industriali con lo scopo di fornire un’analisi di taglio storico del settore metalmeccanico attraverso lo studio della contrattazione collettiva.

 “Abbiamo avviato una ricerca su questo settore non solo perché l’industria metalmeccanica italiana, collocandosi al secondo posto in Europa per dimensione in termini di addetti, valore aggiunto generato e bilancia commerciale, costituisce un asse portante del sistema economico-produttivo nazionale ma anche perché si tratta dell’industria che negli ultimi 20 anni ha contribuito maggiormente a collocare la specializzazione tecnologica e produttiva del Paese verso comparti innovativi e di frontiera”, dichiara il presidente CNEL Tiziano Treu. 

Nel nuovo numero del Notiziario sui contratti, inoltre, sono analizzati alcuni dei principali contratti di grandi aziende come FCA, TIM, Lamborghini. Il nuovo Contratto Collettivo Specifico di Lavoro del gruppo FCA-CNH-Ferrari per il quadriennio 2019-2022, sottoscritto l’11 marzo 2019, conferma l’assetto fortemente partecipativo del sistema di relazioni sindacali definito nel precedente accordo, migliorandone diversi aspetti. 

Attraverso il caso TIM gli esperti dell’Archivio Contratti del CNEL propongono, inoltre, un approfondimento sul “contratto di espansione”, previsto tra gli aspetti salienti del cosiddetto “decreto-crescita”, con il quale si è operata una completa revisione dell’art. 41 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148 concernente i contratti di solidarietà espansiva. Il contratto di espansione può essere definito come una particolare forma di accordo sindacale - che può essere concluso a livello nazionale o aziendale, ma deve essere successivamente ratificato in sede governativa presso il Ministero del lavoro - per gestire in forma condivisa la transizione organizzativa conseguente l’introduzione delle nuove tecnologie nei processi produttivi e i loro riflessi sulle competenze professionali del personale.

Spazio, infine, al volontariato nella vigente contrattazione nazionale, alla detassazione dei premi di produttività e al nuovo rapporto dell’osservatorio CISL sulla contrattazione territoriale.

 


Scarica e leggi il nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti

Articolo Precedente L’ASSEMBLEA APPROVA UN DDL PER ALLINEARE I PARERI DEL CNEL A CICLO BILANCIO UE E GOVERNO
Articolo Successivo CENSIS, TREU: IL LAVORO SARÀ SEMPRE PIÙ COGNITIVO
Stampa
344 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«dicembre 2019»
lunmarmergiovensabdom
2526
939

Mercoledì 27 novembre l'Assemblea del CNEL

In programma l'approvazione della Relazione sulla qualità dei servizi della PA ai cittadini e alle imprese; informativa ed approvazione del XXI Rapporto su Mercato del lavoro e contrattazione collettiva; discussione e approvazione dell’iniziativa legislativa sulla partecipazione del CNEL al ciclo di bilancio e documenti di programmazione.

Read more
27
947

L’ASSEMBLEA APPROVA UN DDL PER ALLINEARE I PARERI DEL CNEL A CICLO BILANCIO UE E GOVERNO

Il testo è stato presento dal relatore, il consigliere Gian Paolo Gualaccini, presidente della Giunta per il regolamento

Read more
2829
954

AUMENTANO ANCORA I CONTRATTI REGISTRATI AL CNEL

909 gli accordi depositati, di cui 491 scaduti. Tutti i dati e le analisi nel nuovo numero del Notiziario dell’Archivio Contratti

Read more
301
23456
958

CENSIS, TREU: IL LAVORO SARÀ SEMPRE PIÙ COGNITIVO

Al CNEL la presentazione del 53° Rapporto sulla situazione sociale del Paese

Read more
78
910
964

TERZO SETTORE, GUALACCINI: URGENTE COMPLETARE LA RIFORMA

L’appello al Governo del Consigliere del CNEL e capo delegazione del Non profit a Villa Lubin 

Read more
11
966

LUCI E OMBRE DEL MERCATO DEL LAVORO NEL XXI RAPPORTO CNEL

La presentazione con la Ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, e i rappresentanti dell’Ocse e della Commissione Europea

Read more
12131415
16171819202122
23242526272829
303112345