Archivio Primo Piano

Disegno di legge di riforma del CNEL

0 683 Valutazione articolo: Nessuna valutazione

APPROVATO IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DEL CNEL CHE E' STATO SUBITO TRASMESSO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ON. GENTILONI

L'Assemblea del CNEL, con decisione unanime, nella seduta del 21 febbraio 2017, ha approvato la presentazione alle Camere del disegno di legge di propria iniziativa per l'autoriforma del CNEL attraverso modifiche alla legge 30 dicembre 1986, n. 936. I punti essenziali della riforma:

- E' confermato l'attuale numero dei consiglieri (64) e tutte le attuali rappresentanze;

- Il Presidente del CNEL è nominato dal Presidente della Repubblica;

- E' definita una nuova modalità di nomina, più veloce e più trasparente, dei Consiglieri del CNEL da parte del Consiglio dei ministri, al fine di garantire i criteri del più ampio pluralismo;

- E' previsto anche un rappresentante dell'ANCI, dell'UPI e della Conferenza delle Regioni;

- Oltre alla conferma di tutte le attuali attribuzioni del CNEL, sono previsti pareri del CNEL obbligatori, ma non vincolanti, per i maggiori atti di finanza pubblica (DEF, nota di aggiornamento al DEF e legge di bilancio);

- E' stabilita la nuova funzione del CNEL di certificazione del grado di rappresentatività nazionale delle organizzazioni sindacali nel settore privato;

- E' prevista la predisposizione - in tema di misurazione del benessere equo e sostenibile (BES) - di un rapporto congiunto CNEL-ISTAT con cadenza annuale.

Il disegno di legge di autoriforma del CNEL è trasmesso, ai sensi dell'art. 8, lett. C, comma 5 del regolamento del CNEL, al Presidente del Consiglio e di tale trasmissione vengono informati i Presidenti della Camera e del Senato.

Al termine dei lavori l'Assemblea del CNEL ha approvato un ordine del giorno che fa appello al Governo e al Parlamento affinché affrontino il gravissimo problema della povertà assoluta che in Italia riguarda 4 milioni e 600mila persone, con un'area del disagio sociale in continuo aumento.

La lotta alla povertà e alla disuguaglianza deve essere la strategia centrale di qualunque politica economica. Non si facciano pagare ai cittadini le conseguenze dell'instabilità politica.

RSS
Primo34353637383940414243

Cerca nell'Archivio

Calendario

«giugno 2019»
lunmarmergiovensabdom
27
683

IN PREPARAZIONE UN DDL DEL CNEL SULLE TUTELE PER I LAVORATORI AUTONOMI

Ci sta lavorando la Consulta sul lavoro autonomo e le professioni istituita presso il Consiglio

Read more
28
684

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE

Fracassi, vicepresidente Cnel: "Servono interventi sull’occupazione femminile, investimenti sulle politiche sociali e servizi all’infanzia e all’istruzione e occorre favorire le politiche di conciliazione vita-lavoro"
Read more
2930
691

L'ASSEMBLEA APPROVA DUE PROPOSTE DI LEGGE SU UNIVERSITÀ E GAP GENDER

La prima riguarda la modifica all’articolo 142 del Regio decreto n.1592/1933. La seconda il contrasto alle discriminazioni di genere nel rapporto lavorativo tra uomini e donne

Read more
3112
3456789
10111213
697

MATTARELLA AL CNEL PER L’INCONTRO SUL FUTURO DELL’EUROPA

Il Presidente della Repubblica ha presenziato alla Riunione annuale dei Comitati economici e sociali della UE e del Cese

Read more
141516
171819
712

CONSIGLI ECONOMICI, L'AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA PER L'UE

Le conclusioni della Riunione dei Presidenti e dei Segretari Generali dei Consigli Economici e del CESE che si è svolta al CNEL

Read more
20
713

UE, CONSIGLI ECONOMICI: AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA

L’Agenda 2030, adottata dalle Nazioni Unite il 25 settembre 2015 e approvata dall'Unione europea, deve essere la priorità generale e incontestabile dell'Unione europea per il prossimo decennio”.

Read more
212223
24252627282930
1234567