Archivio Primo Piano

LA MISSIONE E IL RUOLO DEL CNEL, OGGI.
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

LA MISSIONE E IL RUOLO DEL CNEL, OGGI.

Intervento del Presidente Tiziano Treu allAssemblea di insediamento della X consiliatura del 5 giugno 2018 

La X consiliatura che si  è aperta ufficialmente con la seduta del 5 giugno 2018 è stata promossa qualche mese fa  per iniziativa del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, i quali hanno mostrato di credere  che il CNEL ha ancora, (anzi oggi più che mai) una funzione importante da svolgere per rispondere a una domanda sociale e politica presente nel Paese.

Le parti sociali hanno manifestato la stessa convinzione rispondendo alla richiesta delle due più alte autorità dello Stato con la designazione di qualificati rappresentanti nella costituenda assemblea del CNEL.

Di questa fiducia siamo  tutti profondamente grati. Siamo anche consapevoli della responsabilità che ci viene attribuita di rilanciare la missione del CNEL in un momento cosi tormentato non solo per la nostra Istituzione, ma per il Paese.

Le difficoltà manifestatesi in questi anni non sono contingenti. Lo dimostrano le critiche rivolte da molti, non tutte fondate, e i dubbi sulla stessa esistenza del CNEL che sono culminati nella legge di riforma costituzionale che ne prevedeva la soppressione.

Per questi motivi non basta registrare l'esito del referendum che ha confermato l'esistenza in vita del CNEL né contrastare le persistenti critiche. Questa consiliatura ha il compito di ripensare alla propria missione e alle funzioni che la devono esprimere nel momento presente, prima ancora di decidere il programma di attività. In questo  senso ha un valore costituente. []

 

Ascoltare le persone e la società organizzata per rispondere alle trasformazioni sociali  ed economiche

[] Sottolineo fin d'ora limportanza che hanno per noi l'ascolto di queste istanze e la interlocuzione con le organizzazioni che le esprimono; quelle presenti nel CNEL, ma anche quelle non ancora in esso rappresentate. Perché questo ascolto e questa interlocuzione sono componenti fondamentali del ruolo del CNEL per sostenere la sua opera di mediatore sociale e la sua capacità  di contribuire  alla crescita  anche economica  del Paese.

Sono convinto che la nostra riflessione non può limitarsi ai pur importanti aspetti strutturali del CNEL, cioè alla sua  composizione e funzionamento. Dobbiamo interrogarci sul senso attuale del nostro ruolo che si può  definire  di mediazione sociale ed economica. []

 

 Consolidare e innovare i nostri compiti

[] Per svolgere questo ruolo di mediazione ed innovazione sociale ed economica occorrerà discutere su come interpretare in modo innovativo le funzioni fin qui svolte secondo le indicazioni di legge e sulla base della esperienza, per svolgerle al meglio nel nuovo contesto, e su come sperimentare nuove attività per rispondere alle sfide attuali della economia e del lavoro.

La relazione al Ddl 3566 (marzo 1986) di riforma del CNEL, firmata dall'on. Sergio Mattarella, pone chiaramente questo ordine di problemi e offre spunti di riflessione ancora utili per ripensare il nostro ruolo.

Le sue indicazioni sono ancora attuali. Oggi la volontà di  riformare il CNEL è stata esplicitata sia dalle maggiori organizzazioni sociali, sia dall'interno del Consiglio e si è tradotta in precise proposte normative. []

 

Ridare al CNEL rappresentatività e operatività  per il suo ruolo  di mediazione  e di consulenza sociale

[] Oggi più di ieri c'è bisogno di una razionalizzazione dei rapporti fra le forze sociali che ne possa promuovere uno svolgimento positivo utile  alla coesione sociale. Per svolgere tale compito, serve un  dibattito aperto  in una sede “istituzionale protetta” come il CNEL sulle maggiori questioni che agitano la nostra società: un dibattito finalizzato a elaborare  proposte utili al Paese e a  fornire ai decisori pubblici e privati  elementi di giudizio per scelte informate. []

  

Allargare l’ascolto della società  e il dibattito  sulle grandi questioni  economiche e sociali del Paese

[] La complessità  della società attuale richiede una innovazione ulteriore, cioè non solo che il confronto all'interno del CNEL sia aperto e libero da pregiudizi, ma che esso si allarghi – come dicevo -  a una interlocuzione più ampia  con rappresentanze di  gruppi sociali e professionali non ancora presenti nel Consiglio.

In attesa di una riforma legislativa, ci proponiamo di riprendere  l’ idea, già  sperimentata in passato, di attivare consulte  di ascolto e di proposta per coinvolgere tali gruppi. []

Allo stesso  fine di ampliare la nostra capacità  di analisi  e di elaborazione,  d’intesa  con gli organi  in prorogatio  del CNEL, si è operato  per riprendere ed allargare  le collaborazioni  con varie istituzioni  competenti   nelle materie dell’economia  e del lavoro, dal Ministero del Lavoro, all’ANPAL e INAPP,  all’ISTAT, all’INPS fino ad alcune importanti  Università italiane. []

  

Innovazione economica e sociale. Il contributo delle nostre attività

[] A questo riguardo mi limito a fornire qualche spunto di riflessione su alcune attività che mi sembrano particolarmente significative per rafforzare in modo innovativo il ruolo del CNEL, rinviando per il resto alle indicazioni dettagliate del documento programmatico. []

 

a)    Analisi e proposte basate  sulla nostra  expertise sociale

b)    Azioni plurilivello: verso l’Europa e con le autonomie locali

c)     Analisi  sulle politiche  pubbliche  e sulle migrazioni

d)    Individuazione  dei contratti  rappresentativi e certificazione  delle rappresentatività delle   organizzazioni sociali

e)     Analisi e proposte  sulle trasformazioni  e sulle politiche  del lavoro. Working poors e diseguaglianze

f)      Analisi della competitività nazionale  e modelli  previsionali  dello sviluppo economico

Ringrazio quei consiglieri della IX consiliatura che hanno proseguito nelle attività del Consiglio in prorogatio con impegno e in condizioni di obiettivo disagio. In particolare  Delio Napoleone e  Gian Paolo Gualaccini  che hanno svolto funzioni di presidenza in questo difficile periodo.

 

Leggi la relazione integrale del Presidente Tiziano Treu

 


Articolo Precedente CONSIGLIO NAZIONALE DELL’ECONOMIA E DEL LAVORO - X CONSILIATURA – ASSEMBLEA
Articolo Successivo Assemblea del CNEL
Stampa
154 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«giugno 2018»
lunmarmergiovensabdom
282930
233

CNEL: PRIORITÀ ALL’ASCOLTO DELLE PARTI SOCIALI E ALLE PROPOSTE NORMATIVE


Gli obiettivi per il 2018 definiti nella Direttiva generale per l’azione amministrativa.

Read more
31
234

ASSEMBLEA DEL CNEL



Martedì 5 giugno si riunisce l’Assemblea del Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro. L’Assemblea, costituita dai consiglieri, è l'organo che esprime collegialmente la volontà del Consiglio. Esamina ed approva i documenti istruiti dalle Commissioni e le altre questioni ad essa deferite dal Presidente. Approva, in apposita sessione, il programma annuale di attività del CNEL.
Read more
123
45678
244

LA MISSIONE E IL RUOLO DEL CNEL, OGGI.


Intervento del Presidente Tiziano Treu allAssemblea di insediamento della X consiliatura del 5 giugno 2018 

Read more
910
1112131415
258

Assemblea del CNEL

Martedì 19 giugno alle 11.00 si riunisce l'Assemblea del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro. L’Assemblea, costituita dai consiglieri, è l'organo che esprime collegialmente la volontà del Consiglio. 

Read more
1617
1819
266

Gig Economy, Blockchain, futuro della UE al centro dell’Assemblea


Con la seconda seduta del Consiglio entra nel vivo la X Consiliatura del Cnel 

 

Read more
2021
269

CCNL: ACCORDO DI COLLABORAZIONE TRA CNEL E INPS


Firmato dai Presidenti Tiziano Treu e Tito Boeri in occasione del convegno su “La rappresentanza delle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro”

 

Read more
222324
2526272829301
2345678