Archivio Primo Piano

EUROPA, FAI SENTIRE LA TUA VOCE
/ Categorie: Primo Piano, News

EUROPA, FAI SENTIRE LA TUA VOCE

Cosa pensano gli italiani sul futuro dell'Europa? In una fase così delicata per le istituzioni europee, il CNEL, nell'ambito delle sue prerogative costituzionali, ha predisposto una “Consultazione pubblica sul futuro dell’Europa” indirizzata a tutti i cittadini, con particolare riferimento ai giovani e agli iscritti a tutte le organizzazioni sociali e produttive del Paese rappresentate nel Consiglio. I giovani saranno coinvolti nella compilazione del questionario con l'aiuto del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. 

Questo lavoro si inserisce in una più generale iniziativa dei Paesi europei, nell’ottica della comune strategia di potenziamento del coinvolgimento attivo dei cittadini”, afferma Tiziano Treu, Presidente del CNEL che “ha inteso aderire e promuovere tale iniziativa, a pochi mesi dalle elezioni europee, nella rinnovata volontà che il Consiglio rappresenti un luogo di partecipazione e coinvolgimento dei cittadini e dei corpi intermedi. La consultazione rappresenta l’avvio di un nuovo percorso di iniziative che si svolgeranno nei prossimi mesi anche su altre tematiche con l’obiettivo di innovare le forme di partecipazione democratica”. 

La consultazione, prevista dall'art. 10 del Regolamento degli Organi del CNEL (approvato dall’Assemblea nella seduta del 12 luglio 2018), è stata predisposta nell'ambito di un progetto promosso dal CESE, il Comitato Economico e Sociale Europeo, su richiesta della Commissione Europea, per raccogliere il parere e le aspettative sul futuro dell'Unione Europea di tutti i cittadini europei. 

L'attività di ascolto dei cittadini, attuata attraverso un questionario online, segue la metodologia di indagine sviluppata negli anni scorsi alla Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) con l’intento di valutare la qualità e l’immagine delle Istituzioni pubbliche ed utilizzata successivamente anche in altre rilevazioni al CNEL come, ad esempio, avviene dal 2014 con la rilevazione della “Customer satisfaction" dei cittadini nella “Relazione annuale al Parlamento e al governo sui livelli e la qualità dei servizi offerti dalle pubbliche amministrazioni centrali e locali alle imprese e ai cittadini”. 

Quattro gli ambiti su cui i cittadini sono chiamati ad esprimersi: Principi fondamentali dell'Unione Europea; Politiche economiche; Politiche sociali e Digitalizzazione. Ogni ambito di riferimento, attraverso 17 semplici domande a risposta multipla, viene raffinato in raggruppamenti concettuali di secondo livello tra cui il mercato unico, l'unione monetaria, la politica estera e la difesa, il fisco, il lavoro, la salute, l'istruzione e formazione, l'immigrazione, le politiche giovanili, lo sviluppo sostenibile, la privacy e il diritto d'autore, l'identità digitale e il sistema amministrativo transfrontaliero.

A ciascuna domanda l’intervistato può rispondere con un VOTO che varia da 1 a 10: si attribuiscono dei punteggi da 1, che implica una valutazione assolutamente negativa, a 10 che rappresenta una valutazione assolutamente positiva. 

La consultazione terminerà il 21 marzo. I risultati saranno resi noti in un evento pubblico e trasmessi al CESE.

PARTECIPA, COMPILA IL QUESTIONARIO

 

 

Articolo Precedente SICUREZZA STRADALE: AL CNEL IL PATTO TRA ISTITUZIONI, FAMIGLIE, SCUOLA E FORZE DELL’ORDINE
Articolo Successivo IN ASSEMBLEA IL DOCUMENTO SU OSSERVAZIONI E PARERE DEL CNEL SUL DDL BILANCIO
Stampa
5222 Valuta questo articolo:
2.9

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«giugno 2019»
lunmarmergiovensabdom
27
683

IN PREPARAZIONE UN DDL DEL CNEL SULLE TUTELE PER I LAVORATORI AUTONOMI

Ci sta lavorando la Consulta sul lavoro autonomo e le professioni istituita presso il Consiglio

Read more
28
684

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE

Fracassi, vicepresidente Cnel: "Servono interventi sull’occupazione femminile, investimenti sulle politiche sociali e servizi all’infanzia e all’istruzione e occorre favorire le politiche di conciliazione vita-lavoro"
Read more
2930
691

L'ASSEMBLEA APPROVA DUE PROPOSTE DI LEGGE SU UNIVERSITÀ E GAP GENDER

La prima riguarda la modifica all’articolo 142 del Regio decreto n.1592/1933. La seconda il contrasto alle discriminazioni di genere nel rapporto lavorativo tra uomini e donne

Read more
3112
3456789
10111213
697

MATTARELLA AL CNEL PER L’INCONTRO SUL FUTURO DELL’EUROPA

Il Presidente della Repubblica ha presenziato alla Riunione annuale dei Comitati economici e sociali della UE e del Cese

Read more
141516
171819
712

CONSIGLI ECONOMICI, L'AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA PER L'UE

Le conclusioni della Riunione dei Presidenti e dei Segretari Generali dei Consigli Economici e del CESE che si è svolta al CNEL

Read more
20
713

UE, CONSIGLI ECONOMICI: AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA

L’Agenda 2030, adottata dalle Nazioni Unite il 25 settembre 2015 e approvata dall'Unione europea, deve essere la priorità generale e incontestabile dell'Unione europea per il prossimo decennio”.

Read more
212223
24
719

IL DDL DEL CNEL SULL'ABOLIZIONE DEL DIVIETO DI DOPPIA ISCRIZIONE AI CORSI LAUREA

Treu: la proposta intende rafforzare la libertà di scelta degli studenti, costituendo in capo ad essi un nuovo diritto soggettivo

Read more
25
721

PARI OPPORTUNITÀ, UN DDL DEL CNEL PER MODIFICARE IL CODICE

La proposta, presentata su iniziativa della Vicepresidente Fracassi, ha l'obiettivo di diminuire il gap retributivo di genere
Read more
2627282930
1234567