Archivio Primo Piano

UNIVERSITÀ, FIORAMONTI: “CAMBIAMO I CRITERI DI VALUTAZIONE”
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

UNIVERSITÀ, FIORAMONTI: “CAMBIAMO I CRITERI DI VALUTAZIONE”

"Abbiamo bisogno di modificare il modo in cui le università vengono valutate per dare più spazio alla collaborazione e all'interdisciplinarità, per fare in modo che gli obiettivi dello sviluppo sostenibile e dell'Agenda 2030 entrino a far parte anche del modo in cui facciamo ricerca e formazione". Lo ha affermato il viceministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti in occasione di un convegno in Campidoglio. "Per questo abbiamo attivato, attraverso la collaborazione con il Cnel, che ha prodotto il Bes, gli indicatori di Benessere Equo e Sostenibile, insieme all'Istat, un dibattito con le agenzie Anvur e Invalsi che si occupano di valutazione delle scuole, per fare in modo che si possa arrivare insieme a una batteria di indicatori per la valutazione della performance, che sia da un lato in grado di mantenere l'eccellenza della produzione scientifica e dall'altro possa cogliere quegli elementi che oggi non vengono colti, come l'impatto sul territorio, la capacità di brevettare, di avere relazioni con le imprese e l'applicazione degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile”. 

Io - ha aggiunto Fioramonti - ho proposto per esempio che le università ricevano finanziamenti in più quando sostengono corsi interdisciplinari, utilizzano le regole del green procurement o creano incubatori per startup" 

Il Viceministro dell’Istruzione era intervenuto già intervenuto su questo tema il 15 maggio scorso al convegno su “Valutazione del sistema istruzione, formazione e università: obiettivi e metodi” tenutosi nel parlamentino di Villa Lubin. Alla tavola rotonda avevano partecipato anche il Capo Dipartimento Università, Ricerca e Afam, Giuseppe Valditara, il presidente dell’ANVUR Paolo Miccoli, la presidente INVALSI, Anna Maria Ajello e il presidente del CNEL Tiziano Treu.

Guarda l'intervista del Vice Ministro Fioramonti all'Agenzia DIRE sulla collaborazione con il Cnel

Articolo Precedente A ROMA IL MEETING ANNUALE DEI COMITATI ECONOMICI DEI PAESI UE
Articolo Successivo AL CNEL IL 23 E 24 MAGGIO IL MEETING DEI FUTURISTI ITALIANI
Stampa
160 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«giugno 2019»
lunmarmergiovensabdom
27
683

IN PREPARAZIONE UN DDL DEL CNEL SULLE TUTELE PER I LAVORATORI AUTONOMI

Ci sta lavorando la Consulta sul lavoro autonomo e le professioni istituita presso il Consiglio

Read more
28
684

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE

Fracassi, vicepresidente Cnel: "Servono interventi sull’occupazione femminile, investimenti sulle politiche sociali e servizi all’infanzia e all’istruzione e occorre favorire le politiche di conciliazione vita-lavoro"
Read more
2930
691

L'ASSEMBLEA APPROVA DUE PROPOSTE DI LEGGE SU UNIVERSITÀ E GAP GENDER

La prima riguarda la modifica all’articolo 142 del Regio decreto n.1592/1933. La seconda il contrasto alle discriminazioni di genere nel rapporto lavorativo tra uomini e donne

Read more
3112
3456789
10111213
697

MATTARELLA AL CNEL PER L’INCONTRO SUL FUTURO DELL’EUROPA

Il Presidente della Repubblica ha presenziato alla Riunione annuale dei Comitati economici e sociali della UE e del Cese

Read more
141516
171819
712

CONSIGLI ECONOMICI, L'AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA PER L'UE

Le conclusioni della Riunione dei Presidenti e dei Segretari Generali dei Consigli Economici e del CESE che si è svolta al CNEL

Read more
20
713

UE, CONSIGLI ECONOMICI: AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA

L’Agenda 2030, adottata dalle Nazioni Unite il 25 settembre 2015 e approvata dall'Unione europea, deve essere la priorità generale e incontestabile dell'Unione europea per il prossimo decennio”.

Read more
212223
24252627282930
1234567