Archivio Primo Piano

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE
/ Categorie: Primo Piano

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE

La crisi demografica è, forse, il più importante problema strutturale dell’Italia che presenta da anni un tasso di fecondità totale (1.32 figli per donna nel 2018) al di sotto del livello di sostituzione e fra i più bassi in Europa. Con questi presupposti, il nostro Paese va verso un calo drammatico sia della popolazione in generale (da 60 milioni odierno a 56.5 nel 2050) sia ancor più della popolazione attiva. Nel 2050, infatti, è prevista una riduzione del 23% che equivale a una perdita di 3.5 milioni nei prossimi 20 anni”.

 

Lo ha affermato il presidente del Cnel Tiziano Treu aprendo i lavori di “L’Italia nella trappola demografica”, tenutosi oggi a Villa Lubin al quale hanno partecipato rappresentanti di associazioni, politici e numerosi esperti di demografia, tra cui Letizia Mencarini e Daniele Vignoli, autori del libro “Genitori Cercasi: L’Italia nella trappola demografica”. Con loro a discutere del fenomeno anche Massimo Livi Bacci, professore emerito di Demografia e accademico dei Lincei, Romina Fraboni dell'Istat, Francesca Galizia

 

Affrontare il tema della denatalità significa in primo luogo mettere in campo politiche strutturali e non singoli bonus. Servono interventi sull’occupazione femminile, investimenti sulle politiche sociali e servizi all’infanzia all’istruzione e occorre favorire le politiche di conciliazione. In particolare, il lavoro stabile è il primo antidoto per contrastare le incertezze che impediscono ai giovani di costruire il proprio futuro”, ha sottolineato Gianna Fracassi, vicepresidente CNEL.

 

Il trend drammatico che esce dall’analisi della natalità italiana può essere rallentato solo in presenza di azioni politiche condivise e durature, che mettano al centro la fecondità come un investimento pubblico e non come un bene privato”, ha aggiunto la professoressa Cecilia Tomassini, consigliere CNEL e professoressa di demografia all’Università degli Studi del Molise.



 

Articolo Precedente IN PREPARAZIONE UN DDL DEL CNEL SULLE TUTELE PER I LAVORATORI AUTONOMI
Articolo Successivo Giovedì 30 maggio Assemblea CNEL
Stampa
208 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«giugno 2019»
lunmarmergiovensabdom
27
683

IN PREPARAZIONE UN DDL DEL CNEL SULLE TUTELE PER I LAVORATORI AUTONOMI

Ci sta lavorando la Consulta sul lavoro autonomo e le professioni istituita presso il Consiglio

Read more
28
684

LA DENATALITÀ TRA I PRINCIPALI PROBLEMI STRUTTURALI DEL PAESE

Fracassi, vicepresidente Cnel: "Servono interventi sull’occupazione femminile, investimenti sulle politiche sociali e servizi all’infanzia e all’istruzione e occorre favorire le politiche di conciliazione vita-lavoro"
Read more
2930
691

L'ASSEMBLEA APPROVA DUE PROPOSTE DI LEGGE SU UNIVERSITÀ E GAP GENDER

La prima riguarda la modifica all’articolo 142 del Regio decreto n.1592/1933. La seconda il contrasto alle discriminazioni di genere nel rapporto lavorativo tra uomini e donne

Read more
3112
3456789
10111213
697

MATTARELLA AL CNEL PER L’INCONTRO SUL FUTURO DELL’EUROPA

Il Presidente della Repubblica ha presenziato alla Riunione annuale dei Comitati economici e sociali della UE e del Cese

Read more
141516
171819
712

CONSIGLI ECONOMICI, L'AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA PER L'UE

Le conclusioni della Riunione dei Presidenti e dei Segretari Generali dei Consigli Economici e del CESE che si è svolta al CNEL

Read more
20
713

UE, CONSIGLI ECONOMICI: AGENDA 2030 SIA PRIORITARIA

L’Agenda 2030, adottata dalle Nazioni Unite il 25 settembre 2015 e approvata dall'Unione europea, deve essere la priorità generale e incontestabile dell'Unione europea per il prossimo decennio”.

Read more
212223
24252627282930
1234567