Archivio Primo Piano

CNEL ed ISTAT sottoscrivono un accordo interistituzionale per "misurare l'Italia".

0 525 Valutazione articolo: Nessuna valutazione
Indicatori del benessere, monitoraggio della competitività e dati sui contratti di lavoro al centro dell’accordo tra l’Istituto di Statistica e il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro. 

In allegato il comunicato stampa congiunto.

Innovazione tecnologica e lavoro potranno convivere? Ne parlano al CNEL, Giovedì 6 Aprile, esperti, parti sociali e il Ministro del Lavoro Poletti

0 213 Valutazione articolo: Nessuna valutazione
Si svolge giovedì 6 aprile prossimo dalle 10 alle 13 il seminario organizzato dal CNEL per analizzare il rapporto che lega l'innovazione tecnologica all'occupazione. Dopo il saluto introduttivo del Presidente del CNEL Delio Napoleone e l'introduzione di Giuseppe Pennisi, Presidente della Commissione CNEL dell'Informazione, intervengono Massimo Blasoni, Presidente del Centro Studi Impresa Lavoro, Salvatore Zecchini, della Commissione OCSE per le Piccole e medie imprese e Paolo Reboani, Esperto dell'ISTAT. Modera il Vice Presidente del CNEL Gian Paolo Gualaccini. Al termine, dopo gli interventi dei rappresentanti delle parti sociali, svolge le conclusioni il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali Giuliano Poletti.

MONITORAGGIO SULLA TRASPARENZA DELLA P.A.: ECCELLENZE DI CNEL E ARAN

0 241 Valutazione articolo: Nessuna valutazione
Nell'ambito di un monitoraggio comparativo tra P.A., che ha riguardato dieci amministrazioni tra ministeri, agenzie e organi di rilevanza costituzionale (https://www.agendadigitale.eu/cittadinanza-digitale/foia-su-10-p-a-solo-1-consente-laccesso/), il CNEL, insieme all'ARAN, è risultato un'eccellenza in tema di trasparenza verso i cittadini, con particolare riferimento alla banca dati dell'archivio contratti collettivi nazionali di lavoro. Il Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro valorizza infatti il dialogo non solo "tra" le rappresentanze ma anche "con" i singoli cittadini. E' in questa ottica che intende svolgere il proprio ruolo istituzionale ed ha quindi previsto, nella proposta di autoriforma, la costituzione di gruppi di lavoro aperti a soggetti qualificati per l'istruttoria di specifiche tematiche, affinché il CNEL possa essere "collettore" di istanze delle rappresentanze sociali provenienti dal basso.

Disegno di legge di riforma del CNEL

0 233 Valutazione articolo: Nessuna valutazione

APPROVATO IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DEL CNEL CHE E' STATO SUBITO TRASMESSO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ON. GENTILONI

L'Assemblea del CNEL, con decisione unanime, nella seduta del 21 febbraio 2017, ha approvato la presentazione alle Camere del disegno di legge di propria iniziativa per l'autoriforma del CNEL attraverso modifiche alla legge 30 dicembre 1986, n. 936. I punti essenziali della riforma:

- E' confermato l'attuale numero dei consiglieri (64) e tutte le attuali rappresentanze;

- Il Presidente del CNEL è nominato dal Presidente della Repubblica;

- E' definita una nuova modalità di nomina, più veloce e più trasparente, dei Consiglieri del CNEL da parte del Consiglio dei ministri, al fine di garantire i criteri del più ampio pluralismo;

- E' previsto anche un rappresentante dell'ANCI, dell'UPI e della Conferenza delle Regioni;

- Oltre alla conferma di tutte le attuali attribuzioni del CNEL, sono previsti pareri del CNEL obbligatori, ma non vincolanti, per i maggiori atti di finanza pubblica (DEF, nota di aggiornamento al DEF e legge di bilancio);

- E' stabilita la nuova funzione del CNEL di certificazione del grado di rappresentatività nazionale delle organizzazioni sindacali nel settore privato;

- E' prevista la predisposizione - in tema di misurazione del benessere equo e sostenibile (BES) - di un rapporto congiunto CNEL-ISTAT con cadenza annuale.

Il disegno di legge di autoriforma del CNEL è trasmesso, ai sensi dell'art. 8, lett. C, comma 5 del regolamento del CNEL, al Presidente del Consiglio e di tale trasmissione vengono informati i Presidenti della Camera e del Senato.

Al termine dei lavori l'Assemblea del CNEL ha approvato un ordine del giorno che fa appello al Governo e al Parlamento affinché affrontino il gravissimo problema della povertà assoluta che in Italia riguarda 4 milioni e 600mila persone, con un'area del disagio sociale in continuo aumento.

La lotta alla povertà e alla disuguaglianza deve essere la strategia centrale di qualunque politica economica. Non si facciano pagare ai cittadini le conseguenze dell'instabilità politica.

RSS
12

Cerca nell'Archivio

Calendario

«aprile 2018»
lunmarmergiovensabdom
2627282930
196

LA COESIONE TRA GLI STATI RAFFORZA L’ECONOMIA UE

L’Ambasciatore Raykov al CNEL fa il punto sulla presidenza bulgara del Consiglio dell’Unione Europea
Read more
311
23
197

Contratti collettivi nazionali: è disponibile il 7° Report periodico.

Il 55% dei contratti ancora non è stato rinnovato. Il documento aggiornato a marzo 2018 è redatto dall’Ufficio di Supporto agli Organi Collegiali del CNEL in ottemperanza alla legge 30 dicembre 1986, n. 936, art. 17.

Read more
45
199

PATTO DELLA FABBRICA: AL CNEL AFFIDATA LA DEFINIZIONE DELLE REGOLE CONTRATTUALI

A Villa Lubin il primo confronto tra Confindustria e sindacati sul nuovo modello contrattuale

Read more
678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30123456