Archivio Primo Piano

RIFORMA DELL’UNIONE BANCARIA, BCE E BAIL-IN, LE 11 PROPOSTE DEL CNEL
/ Categorie: Primo Piano, Segnalazioni

RIFORMA DELL’UNIONE BANCARIA, BCE E BAIL-IN, LE 11 PROPOSTE DEL CNEL

L’Unione Europea ‘ripensi’ il bail-in, la cui applicazione ha sollevato non poche perplessità, e completi la riforma strutturale della BCE che deve diventare banca prestatore di ultima istanza per assicurare il debito pubblico di ogni Paese membro, convincere i mercati della loro solvibilità e difenderli dalle manovre speculative”.

È quanto scrive il CNEL in un documento di Osservazioni e proposte su “Il processo di integrazione dell’Unione bancaria europea” approvato dall'Assemblea e condiviso dalle parti sociali e dalle forze produttive, contenente “11 proposte ben definite sulla riforma del sistema bancario europeo, il ruolo della banca centrale e il bail-in, nell'ottica di un recupero del clima di fiducia tra gli Stati membri”.

 

Il Cnel e le 38 forze sociali rappresentate nel Parlamentino, anche alla luce dei casi italiani e delle ultime sentenze in materia, chiedono al nostro Paese di prendere una posizione definita in ambito europeo: “Occorre superare un modello basato esclusivamente sulla proposizione di riforme strutturali improntate all'austerità e che incidono principalmente sulle fasce più deboli della società. Per contribuire attivamente allo sviluppo dell’Unione e innescare stimoli adeguati all'economia, la politica monetaria dovrebbe essere coordinata con quella fiscale attraverso operazioni ‘federali’, in modo da impedire l’aumento dei tassi sui titoli sovrani dei Paesi più rischiosi”, come si legge nel punto 11 del documento.

È necessario prevedere modalità di risarcimento del danno patrimoniale causato a risparmiatori incolpevoli mediante un più rapido accertamento giudiziario definitivo delle responsabilità. L’impianto di contenimento più efficace dei rischi di contagio e delle perdite all'interno del sistema economico non tiene sufficientemente in considerazione il dato dimensionale dell’impresa bancaria e restano carenti meccanismi specifici per le banche più piccole”.

 

Con specifico riguardo al caso italiano, “Il CNEL ritiene inaccettabile un trasferimento degli oneri delle crisi sui contribuenti, in considerazione del discutibile livello di equità del nostro sistema fiscale e dei margini di evasione ed elusione che esso consente - è scritto ancora nel testo -  Il Governo ha inserito nella propria agenda la revisione del sistema di risoluzione europeo e dei meccanismi di gestione delle crisi, con particolare riferimento al bail-in, con l’intento di contribuire alla discussione in corso sul completamento dell’unione bancaria e sul rafforzamento dell’unione monetaria e identificando una soluzione che concili l’esigenza di contrastare pratiche di azzardo morale, connesse alle aspettative di bail-out con la necessità di contenere i rischi di instabilità finanziaria e bancaria”.

 

 

LE 11 PROPOSTE

 

1. Il bail-in ha evidenziato nei fatti un impatto negativo in termini di fiducia di famiglie e imprese nei confronti del sistema bancario. È indispensabile individuare le tipologie di attività finanziarie assoggettabili e comunque abrogarne la retroattività, prevedendo che la procedura di risoluzione si applichi solo ai titoli emessi a partire dal 2016.

2. Occorre ampliare la tipologia di strumenti attivabili in presenza di crisi e ripristinata la possibilità di intervento preventivo e precauzionale del Fondo interbancario di tutela dei depositi.

3. Occorre prevedere modalità di risarcimento del danno patrimoniale causato a risparmiatori incolpevoli mediante un più rapido accertamento giudiziario definitivo delle responsabilità.

4. Anche a fini preventivi, bisogna avviare rapidamente iniziative massicce studiate specificamente per promuovere l’educazione finanziaria, non solo a livello scolastico, ma anche al di fuori e nei confronti della società civile c.d. matura o della “terza età”.

5. In ordine ai meccanismi di vigilanza e di risoluzione, il CNEL sollecita l’introduzione di un principio di proporzionalità relativo alla dimensione e alla rilevanza dell’intermediario, sia ai fini della risoluzione che ai fini della compliance burocratico-amministrativa.

6. È necessario individuare procedure volte ad armonizzare a livello europeo i criteri di gerarchia fallimentare, mentre sul piano nazionale occorre rendere le procedure giudiziali e stragiudiziali più snelle e efficaci, in modo da ridurre la vulnerabilità delle banche italiane sul fronte dei crediti deteriorati.

7. È indispensabile introdurre adeguati strumenti di valutazione dell’impatto della gestione delle crisi bancarie sui livelli occupazionali e assicurare una adeguata strategia di sistema per tutelare il risparmio.

8. È urgente un’azione forte per contrastare i comportamenti di azzardo morale, rafforzando anche l’implementazione della direttiva europea Mifid II sulla trasparenza.

9. È indifferibile la discussione sull'introduzione di una netta separazione della disciplina della banca commerciale da quella della banca di investimento. Allo stesso tempo andrebbe avviata anche una corretta analisi sui costi/benefici di una tale separazione, soprattutto in vista delle nuove sfide tecnologiche e digitali del Fintech.

10. È opportuno superare i trattati europei attuali e quindi completare le attuali attribuzioni della BCE - a cui il CNEL innanzitutto riconosce il ruolo positivo svolto nella politica monetaria degli ultimi anni - in funzione di “prestatore di ultima istanza” per convincere i mercati della solvibilità dei debiti pubblici nazionali e disinnescare eventuali manovre speculative.

11. Occorre superare un modello basato esclusivamente sulla proposizione di riforme strutturali improntate all'austerità e che incidono principalmente sulle fasce più deboli della società. Per contribuire attivamente allo sviluppo dell’Unione e innescare stimoli adeguati all'economia, la politica monetaria dovrebbe essere coordinata con quella fiscale attraverso operazioni “federali”, in modo da impedire l’aumento dei tassi sui titoli sovrani dei Paesi più rischiosi.



Scarica il documento di Osservazioni e proposte

 


Articolo Precedente COMUNICATO N.61 DEL 13 AGOSTO 2019 - CNEL, IN GAZZETTA UFFICIALE NUOVO REGOLAMENTO ORGANI
Articolo Successivo COMUNICATO N.62 DEL 14 AGOSTO 2019 - BANCHE, CNEL: 11 PROPOSTE PER RIFORMA UNIONE BANCARIA, BCE E BAIL-IN
Stampa
751 Valuta questo articolo:
Nessuna valutazione

Name:
Email:
Subject:
Message:
x

Cerca nell'Archivio

Calendario

«ottobre 2019»
lunmarmergiovensabdom
30123
851

VISITA AL CNEL DELLA DELEGAZIONE DEL CONSIGLIO ECONOMICO E SOCIALE FRANCESE

A Villa Lubin incontro di lavoro sulla cooperazione europea tra le commissioni internazionali dei due organismi 

Read more
456
7891011
868

LA CONSULTAZIONE PUBBLICA SULL’EUROPA DEL CNEL PRESENTATA ALL’ANNUAL MEETING DEGLI EDIC

A Praga distribuita la versione in inglese del documento “HOW ITALIANS SEE EUROPE”

Read more
1213
1415161718
866

IMPRESE, SERVE UN CAMBIO DI ROTTA SULLA POLITICA INDUSTRIALE

È il messaggio che emerge dal convegno “Tecnologia, organizzazione e dinamiche globali” promosso dal CNEL e dalla Sapienza Università di Roma.

Read more
1920
21
869

FISCO, SERVONO POLITICHE UE OMOGENEE TRA GLI STATI MEMBRI

Documento di Osservazione e proposte del CNEL su 'Principi fiscali internazionali e digitalizzazione dell’economia: osservazioni per un’equa fiscalità'. "Occorre una webtax universale"
Read more
22
875

SICUREZZA STRADALE, SGALLA: URGENTE RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA

Gli ultimi dati sulla ripresa dell'incidentalità stradale, con morti e feriti in aumento momento ripropone l'urgenza di mettere all'ordine del giorno il tema della sicurezza stradale”.

Read more
2324252627
28293031123
45678910